2.20.2006

AA ATTENZIONE

In data 19 febbraio è stata comunicata a tutti i delegati la convocazione del coordinamento nazionale dei delegati per il 24 febbraio a Roma.
cos'è successo?
UFFICIALMENTE niente.

l'incontro con l'azienda del 24 e 25 gennaio a Milano si era concluso con un nulla di fatto. le indicazione che come delegati ci eravamo dati prima di tornare ognuno nella propria città erano:

- aspettiamo che l'azienda ci inoltri la proposta corretta a seguito dell'incontro. (vedi post precedenti)

Appena fosse arrivata:
- assemblee in tutti i negozi o assemblea generale per valutarla e decidere collettivamente sul come proseguire la trattativa o se riprendere lo stato di agitazione.

- coordinamento nazionale dei delegati per confrontarci e coordinarci a livello nazionale e per concordare con i funzionari una tattica di trattativa o una strategia di lotta a seconda di ciò che le assemblee avrebbero deciso, attenendosi al loro verdetto (!!)

ma se UFFICIALMENTE non è successo nulla perchè i funzionari nazionali di CGIL, CISL e UIL hanno indetto un coordinamento nazionale dei delegati con così poco anticipo e senza che l'azienda si sia fatta sentire?

o forsre l'azienda con qualcuno si è fatta sentire (leggi funzionari nazionali!! ndr) e questo qualcuno ha pensato bene di convocare i delegati senza metterli al corrente delle novità ed impedendogli di valutare insieme ai colleghi la proposta dell'azienda. Ma soprattutto evitando che i colleghi possano rispondere alla domanda che come delegati gli avremmo fatto:

la proposta va bene, trattiamo?
la proposta non va bene, riprendiamo lo stato di agitazione?

ovviamente è una lettura in malafede, ma la poca fiducia è la semplice e lineare conseguenza di come si stanno svolgendo i rapporti con le organizzazione sindacali. la sospensione dello stato di agitazione senza la conusltazione dei lavoratori brucia ancora...

quindi ribadiamo:
1- prima vogliamo l'ipotesi d'accordo corretta dall'azienda.
2- poi ci incontriamo con i colleghi in tutte le città e con loro decidiamo sul da farsi.
3- e infine facciamo il coordinamento nazionale dei delegati.

cambiando l'ordine degli addendi il risultato cambia... e non ci piace.

sono i lavoratori a dover decidere e non i funzionari sindacali nazionali.

13 Comments:

At 2/21/2006 12:04 AM, Anonymous Anonimo said...

Non credo nella malafede di nessuno, spero si stia lottando tutti per la stessa causa. Concordo in pieno pero' sulla necessità di aspettare la nuova proposta e di presentarla a tutti i lavoratori prima di fare un coordinamento.

 
At 2/21/2006 12:16 AM, Anonymous Anonimo said...

calma jonas andiamo a vedere il piatto... poi alla prossima mano puntiamo noi.
Biagio

 
At 2/21/2006 12:38 AM, Anonymous "scassaballe" said...

mi dispiace, ma a questo giro non mi va di farmi prendere per il culo: piatto o non piatto la democrazia prima di tutto. non è un problema di sterile formalismo ma di sostanza.

stiamo lottando tutti per la stessa causa?
noi lavoratori (e delegati) sono sicur di si, per quanto riguarda chi crede di poter fare a meno della democrazia e di poter decidere sopra la testa non solo dei delegati ma di tutti i lavoratori ho i miei dubbi, legittimati da come sono andate le cose sino ad oggi.

PARLINO I COLLEGHI!!

 
At 2/21/2006 12:49 AM, Blogger effelunga said...

per i vigili e solerti spioni aziendali:

questo è il nostro dibatito interno, entusiasmi, delusino e scazzi compresi... ma una rettifica ve la vogliamo fare affinchè il vostro "rapporto" alla direzione aziendale sia completo e non crei false aspettative: non riuscirai ad inserirti nelle maglie fitte della nostra dialetica (a volte anche dura) con le strutture sindacali. noi sappiamo chi siamo noi, chi siete voi e che cos'è il sindacato. dividi et impera non funzionerà...

mi raccomando, inserisci anche questo nel tuo rapporto...

distinti saluti

 
At 2/21/2006 11:21 AM, Anonymous Anonimo said...

Brava Effelunga, l'hai capito che ci sono degli infiltrati in malafede. Patti chiari, inimicizia lunga. Sono quelli a cui poi vanno i premi aziendali di nascosto. Maledetti. Ve li spenderete in medicine. Nessuna pietà, nessuna pacca sulla spalla. Contratto e soldi, decisi insieme! Grazie di esistere. Anche se sono in pochi a lasciare commenti al blog. Avete un contatore delle visite? Mettetelo. Avanti così!

 
At 2/21/2006 3:54 PM, Anonymous Anonimo said...

Dobbiamo essere vigili, e non permettere giochi sporchi sulla nostra pelle. L'attenzione deve essere alta e la lotta quando serve dura!!!! A Dicembre qualcuno ci ha preso per il culo alla grande non deleghiamo tutto ai sindacati, noi ne facciamo parte integrante. Decidiamo noi!!!!

 
At 2/21/2006 4:56 PM, Anonymous 88 said...

I sindacati si sono sempre calati le braghe e sempre se le caleranno.

 
At 2/21/2006 8:16 PM, Anonymous Anonimo said...

d'accordo con 88 però sta anche a noi fargli sentire il fiato sul collo, se ci voglioni fregare che ci provino pure... potrebbero non averla vinta, almeno non così facilmente...

 
At 2/22/2006 11:56 PM, Anonymous Anonimo said...

ma di che cazzo dovete parlare al coordinamento se non ci sono novità?
non avrete mica brutte intenzioni...
mi raccomando.

 
At 2/23/2006 3:03 PM, Anonymous mr iugs said...

Sono sicuro che questa volta per l'azienda e per qualche amico funzionario non sarà facilissimo fregarci..
basta restare attenti, essere attivi e comunicare, comunicare, comunicare...
iniziamo a fare girare il link di questo blog, a tutti colleghi e non...
i provovatori ci sono e ci saranno sempre..gli spioni elettronici pure( ed anche quelli in carne ed ossa...)
lasciamoli divertire ( se si divertono con così poco)
noi continuiamo a parlare e a stare attenti che per essere quattro carbonari nostalgici degli anni settanta( così ci giudicano in via tucidide)non stiamo andando così male e stiamo rompendo anche un pò le uova nel paniere di qualche dirigente( aziendale e sindacale...)

 
At 2/24/2006 10:17 PM, Anonymous Anonimo said...

Anche se solo alla seconda o terza visita del blog mi considero anche io una carbonara...mica la pasta eh...a parte la delusione per il lavoro del sindacato, che si sta paurosamente avvicinando come entità alla delusione per quest'azienda, non credo poi davvero che siamo solo in 4, nella città dove sto io siamo tutti scontenti e anche i 3 o 4 irriducibili spioni non è che siano proprio felici, magari non ci stanno a fare la lotta dura, ma sono pur sempre una minoranza...beh allora che si fa? Ormai sono tanti anni che vendo cultura...ah ah, non vedo la luce...qual'è la soluzione? Non mi pare il caso di aspettare il prossimo Natale per minacciare uno sciopero che poi non si farà...possibile che non riusciamo a organizzarci davvero? Possibile che non ci rendiamo conto di quanti siamo e del potere che avremmo se lottassimo tutti insieme? Mi sono rotta di aspettare che le cose migliorino di far finta che lo siano per un po' per poi dire stavamo meglio quando stavamo peggio...non sono la sola ad essere stufa...tutti voi che venite qui a vedere i commenti degli altri scrivete! Così capiremo e capiranno quanti siamo...e come stiamo ed ecco lì risolto anche il problema così importante dell'ascolto interno...in tutta sincerità voi vi siete mai sentiti ascoltati? A parte dalle spie ovvio.Buonanotte...tanto per cambiare domani si lavora...

 
At 2/24/2006 10:18 PM, Anonymous Anonimo said...

Anche se solo alla seconda o terza visita del blog mi considero anche io una carbonara...mica la pasta eh...a parte la delusione per il lavoro del sindacato, che si sta paurosamente avvicinando come entità alla delusione per quest'azienda, non credo poi davvero che siamo solo in 4, nella città dove sto io siamo tutti scontenti e anche i 3 o 4 irriducibili spioni non è che siano proprio felici, magari non ci stanno a fare la lotta dura, ma sono pur sempre una minoranza...beh allora che si fa? Ormai sono tanti anni che vendo cultura...ah ah, non vedo la luce...qual'è la soluzione? Non mi pare il caso di aspettare il prossimo Natale per minacciare uno sciopero che poi non si farà...possibile che non riusciamo a organizzarci davvero? Possibile che non ci rendiamo conto di quanti siamo e del potere che avremmo se lottassimo tutti insieme? Mi sono rotta di aspettare che le cose migliorino di far finta che lo siano per un po' per poi dire stavamo meglio quando stavamo peggio...non sono la sola ad essere stufa...tutti voi che venite qui a vedere i commenti degli altri scrivete! Così capiremo e capiranno quanti siamo...e come stiamo ed ecco lì risolto anche il problema così importante dell'ascolto interno...in tutta sincerità voi vi siete mai sentiti ascoltati? A parte dalle spie ovvio.Buonanotte...tanto per cambiare domani si lavora...

 
At 3/08/2006 4:25 PM, Anonymous Anonimo said...

A Milano ci considerano nostalgici degli anni '70??!! Io li considero nostalgici dello Yuppismo di terza categoria anni '80...credo che a Milano siano nostalgici anche di Bettino...Ma c'e' qualcuno in sede che ciclostila le stronzate che devono dire tutti i coglioncelli/marionette/capiarea/direttori?? Ma dicessero meno cazzate e siano piu' professionali!!

 

Posta un commento

<< Home