5.11.2006

UNA STRAORDINARIA AVVENTURA di Carlo Effe

In pochi lo sanno, ma da diversi anni Carlo Effe si aggira nelle librerieFeltrinelli e nei negozi di dischi Ricordi camuffato nei modi più inverosimili.Quando vi capita di vederlo nelle sue normali sembianze, allora è lui,nell’esercizio delle sue funzioni. Chissà quante volte però, Carlo Effe vi èstato a pochi metri senza che voi nemmeno ve ne accorgeste. A volte da guardiagiurata, altre volte da impiegato di banca, in alcune occasioni addirittura daPulcinella, mentre c’è chi sostiene di aver scorto i suoi lineamenti nei negozidi Torino sotto la maschera del Gianduia. Perché lo fa?Non è pazzo, vuole solamente scoprire per davvero cos’è successo in questiultimi anni all’interno dei suoi punti vendita. Nessuno glielo dice, perché chidovrebbe farlo è ormai incasellato nel cervellotico meccanismo del “va tuttobene sempre e comunque” che il Dottor Sardina ha concimato tra tutti i suoifidati capi di zona e direttori di negozio, consapevoli del fatto che, sevogliono fare carriera (o non essere trasferiti a 500 Km di distanza), nondevono dire la verità, non devono mai dissentire, ma far finta che le cosevadano bene anche quando non è così, non pensando che un confronto costruttivosia invece l’unica soluzione per migliorare il funzionamento di Effelunga intutte le sue componenti, a tutti i suoi livelli, al fine di farla tornareFeltrinelli.E’ accaduto la scorsa settimana. Mentre era travestito da Quasimodo in un grandeMegastore, Carlo Effe ha avuto una visione: è il Dottor Sardina il primoresponsabile, certo non l’unico, del degrado culturale e della cattivaeducazione di alcuni dirigenti, che trattano i sottoposti senza un briciolo dibuone maniere, non salutandoli nemmeno quando li incrociano nei corridoi dellaSede, o nelle corsie dei negozi.“Basta!” ha tuonato Carlo Effe.“Io ti punirò Dottor Sardina! Hai rovinato il lavoro ai miei ragazzi! Io ticolpirò con il volume delle traduzioni dei testi di Bob Dylan fino a quando nondiventerai intelligente e bene educato! Ne sentirai lo spessore! Blowind in thewind! Idiot Wind! Prendi questa Sardina! E anche questa!”(dal nostro inviato sul luogo della colluttazione, Bernardo Soares)

5 Comments:

At 5/12/2006 11:03 AM, Anonymous Anonimo said...

sei penoso

 
At 5/12/2006 3:43 PM, Anonymous Anonimo said...

A me fa ridere

 
At 5/12/2006 4:31 PM, Anonymous Spunky said...

Grande soares!

 
At 5/14/2006 9:04 PM, Anonymous mr iugs said...

io sto con bernardo...

 
At 5/19/2006 6:52 PM, Anonymous ray said...

Viva soares!

 

Posta un commento

<< Home