6.09.2006

29-30 Maggio: esito dell'incontro con l'azienda

L’incontro svolto con l’azienda ha registrato un’evoluzione positiva rispetto all’atteggiamento di TOTALE chiusura che fino ad oggi aveva contraddistinto il rapporto tra le parti.
Il merito di questa svolta è stato tutto nostro, dell’efficace mobilitazione di colleghe e colleghi dei diversi negozi d’Italia, dell’incisività degli scioperi svolti su tutto il territorio nazionale, in pratica della nostra LOTTA.
Nell’incontro sono stati affrontati sia i punti di criticità più eclatanti più e più volte evidenziati all’azienda, sia le problematiche meno evidenti ma non per questo meno importanti.
Il passo avanti si è riscontrato soprattutto sui 4 punti che avevano determinato l’insorgere dello stato di agitazione.

SFERA DI APPLICAZIONE
L’azienda, tornando sui suoi passi, propone di estendere il CIA anche sulle catene (es.: Grandi Stazioni) di prossima costituzione o di futura acquisizione con i seguenti vincoli:

- solo se ne controlla più del 50%
- l’estensione avverrà automaticamente entro 2 anni dall’acquisizione / apertura
- l’estensione potrà avvenire prima dei due anni solo tramite una negoziazione sulle modalità di estensione del CIA da svolgersi tra le parti dopo il 1° anno di attività

L’azienda ci informa che l’apertura del punto vendita presso la stazione di Porta Garibaldi (Milano) non è da ricondurre alla nuova catena Grandi Stazione e che per questo negozio il CIA avrà estensione immediata dall’apertura.

RIDUZIONE D’ORARIO – 39/38 ORE
Il passaggio dalle 40 alle 39 ore è previsto per tutti i negozi con un processo di applicazione che partirà dal 1 gennaio 2007 ed si concluderà a fine anno. La riduzione di orario sarà godibile tramite l’accorpamento di 4/8 ore ed eccezionalmente 16 ore da dover calendarizzare a febbraio con il piano ferie. L’azienda riconosce a fronte del passaggio alle 39 ore: 60 euro di una tantum e 4 ore di permessi aggiuntivi.

La gestione dell’EVENTUALE passaggio alle 38 ore è demandata ad una contrattazione specifica a livello territoriale il cui esito è a discrezione dei singoli punti vendita.
In caso di passaggio alle 38 ore sarà possibile godere della riduzione oraria in un accorpamento massimo di 24 ore da dover calendarizzare con il piano ferie. Inoltre sarà possibile la sesta settimana di ferie a rotazione tra i dipendenti del punto vendita e per una percentuale da definire tra le parti. L’azienda riconosce a fronte del passaggio alle 38 ore: 60 euro di una tantum e 8 ore di permessi aggiuntivi.

SALARIO INGRESSO / IMPIANTO
L’azienda ha cancellato dalla proposta il salario d’ingresso che avrebbe determinato una gradualità di accesso alle voci economiche del CIA per TUTTI i nuovi assunti.
Permane il salario d’impianto che comporterà una gradualità nell’accesso alle voci economiche del CIA. Gradualità così strutturata:
- applicabilità SOLO ai lavoratori assunti per i negozi di nuova apertura
- 1 anno 0% / 2 anno 50% / 3 anno 100%
- gradualità applicata su: Superminimo di gruppo, Indennità lavoro domenicale e festivo e Premio variabile

PART-TIME
Durante l’incontro abbiamo evidenziato problematicità ed inottemperanze nella gestione del contratto part-time relativamente i seguenti argomenti:

- rispetto della volontarietà del lavoro domenicale e festivo
- rispetto della rigidità d’orario garantita per legge
- clausole elastiche e flessibili

Sono state richieste all’azienda ulteriori informazioni suoi contratti part-.time tuttora attivi (quantità, articolazione, ecc…).
Considerata la complessità e l’interdipendenza della suddette criticità, con lo scopo di risolverle, si è richiesto all’azienda una rivisitazione complessiva della regolamentazione di questa tipologia di contratto.

Inoltre sono stati affrontati anche i seguenti argomenti:

- TICKET – Da subito a valore pieno per i Village, il negozio di Porta Garibaldi (MI) e per tutti i nuovi assunti tranne per quelli in nuove aperture che lo percepiranno solo dopo il 1 anno lavorativo.
- TEMPI DETERMINATI – si è garantito per i lavoratori a tempo determinato un percorso di precendenza nelle future assunzioni a tempo indeterminato.
- UNA TANTUM – è stato aggiornato il valore dell’una-tantum per la “vacatio” contrattuale ad un limite non inferiore ai € 220

Sono state sottoposte inoltre altre richieste all’azienda per le quali attendiamo future risposte.
Quanto emerso dalla trattativa, a livello prettamente verbale, dovrà essere formalizzato con i prossimi incontri:

5 giugno 2006 – RISTRETTA: incontro tra la delegazione trattante dell’azienda con i funzionari nazionali dei sindacati – verrà verificata e corretta la proposta cartacea di rinnovo contrattuale che l’azienda avrà stilato con quanto oggi emerso

12 giugno 2006 – TAVOLO DI TRATTATIVA: incontro tra la delegazione trattante aziendale e dei lavoratori – verrà verificata la bozza di rinnovo elaborata nella riunione del 5 giugno.


Non appena avremo la bozza definitiva di rinnovo del CIA dovranno essere tutti i lavoratori, di tutti i negozi e di tutte le città a giudicarla. È un diritto ed un dovere di tutti decidere se firmare o no.


I delegati di Milano presenti alla trattativa

17 Comments:

At 5/30/2006 10:32 PM, Anonymous Anonimo said...

iniziamo a ragionare...
la prosopopea di carlo e dario è stata un pò messa da parte...
ma la scontistica? non se ne parla più?
certo che le trentotto ore restano proprio una fregatura e la contrattazione territoriale pure...

 
At 6/01/2006 9:30 AM, Blogger vecchia said...

39/38 ore
Specificare bene in sede contrattuale cosa succede delle ore di recupero settimanale in casi come:
- mi ammalo per metà settimana (ho diritto all'ora di recupero)?
- durante le settimane di ferie matura l'ora di recupero?
Sarebbe più semplice specificare che ogni settimana lavorata ( o frazione di questa) matura un'ora di recupero

 
At 6/01/2006 3:01 PM, Anonymous part time said...

non capisco una cosa: la clausola di flessibilità per i part time la vogliono tenere?
spero di no perché è una grandissima fregatura...

 
At 6/01/2006 5:55 PM, Anonymous 2 risposte said...

per il parttime: le clausole devono essere sottoscritte dal lavoratore per cui se uno è già in azienda basta che non firma, per quelli invece che verranno abbiamo chiesto che dovessero essere proposte non al momento dell'assunzione e dopo il periodo di prova in modo da garantire l'effettiva libertà di scelta del lavoratore. vediamo che dicono.

per la vecchia: in caso si malattia la riduzione d'orario funziona come le ferie. se durante le ferie mi ammalo mando il certificato e i giorni di malattia sospendono le ferie che dovrò poter recuperare in altro momento. per quanto riguarda le ore di riduzione non si maturano: sono 48 nel caso delle 39 ore e 96 nel caso delle 38...

 
At 6/01/2006 6:09 PM, Anonymous L'inflazione said...

piccolo contributo ad un dibattito che vada al di là degli aspetti tecnici...

con gli scioperi siamo riusciti ad ottenere che si riaprisse la trattativa. l'azienda ha anche fatto dei significativi passi in avanti rispetto alle precedenti proposte però rimaniamo sempre e comunque nell'ambito della loro di proposta... e la nostra piattaforma rivendicativa?! abbiamo dimostrato che la lotta funziona, abbiamo dichiarato lo stato di agitazione contro 4 punti della loro proposta e abbiamo vinto...inaspettatamente. ora possiamo sfondare non limitiamoci ad una lotta difensiva contro quest'aspetto o quest'altro della loro proposta. rivendichiamo invece che le trattative ripartano dalla nostra di piattaforma, che l'abbiamo scritta a fare?!... pativa da noi ed era molto più avanzata, l'azienda non l'ha neanche presa in considerazione. dico questo anche perchè nell'ambito della loro siamo a quanto pare riusciti a limitare il danno sul piano dei diritti ma di soldi, in fin dei conti, non se ne vede l'ombra...

proposta: 100 euri di aumento del superminimo!! tutti i mesi in busta paga... forse è utopico ed allora facciamo 50 ma perchè non tentare?!
SE LA LOTTA PAGA VOGLIAMO I CONTANTI!

 
At 6/01/2006 7:02 PM, Anonymous Zio said...

Pecunia non olet

 
At 6/02/2006 1:09 AM, Anonymous io said...

alla fine qualche soldo dovranno sganciarlo...
continuiamo la lotta!
comunque il principio diritti uguali per tutti sembra essere stato accolto..
e questo non è male!!!

 
At 6/02/2006 1:09 AM, Anonymous io said...

alla fine qualche soldo dovranno sganciarlo...
continuiamo la lotta!
comunque il principio diritti uguali per tutti sembra essere stato accolto..
e questo non è male!!!

 
At 6/02/2006 1:46 PM, Anonymous Anonimo said...

che debbano sganciare qualcosa sarebbe nell'ordine delle cose... il problema è capire quanta fretta di firmare hanno i sindacati. quelli secondo me considerano la faccenda già chiusa, per cui dobbiamo darci una svegliata noi!

 
At 6/02/2006 4:33 PM, Anonymous latalpa said...

Lunedì sul Corriere economia c'era un articolone sul'ingresso in Feltrinelli delle banche, e sul cattivo andamento dell'azienda.
Mi pare parlasse dell'editore, non delle librerie.
Però credo che alle banche, alla gestione finanziaria partecipata in genere, il clima e gli scioperi non giovino. Forse perseverando si potrà ottenere ancora qualcosa, secondo me.

 
At 6/02/2006 5:36 PM, Anonymous mr iugs said...

i sindacati hanno più fretta di firmare di tutti i vari sardo giambelli e compagnia bella...
questo è innegabile!
sta a noi vedere fino a dove si può arrivare...
per non fare che la faccenda si chiuda così..
secondo me la loro è una prima proposta su cui bisogna cominciare a trattare e che bisogna integrare con la nostra...
le loro proposte precedenti non le considero neppure: erano semplicemente offensive...
forse i nostri capi, ancora increduli per il colpo fatto con il contratto del 2001, pensavano di sfondare su tutta la linea...
adesso i giochi sono cambiati e si comincia a fare sul serio..senza nessuna fretta!!!

 
At 6/04/2006 11:39 AM, Anonymous Anonimo said...

Continuate così, i "clienti" sono tutti con voi!

Vi linko un mio articolo sulla vertenza che vi vede protagonisti!

Un caro saluto

redazione@fusiorari.org

http://www.fusiorari.org/fusiorari/html/modules.php?name=News&file=article&sid=595

 
At 6/04/2006 6:29 PM, Anonymous m. said...

resistere, resistere, resistere.

 
At 6/04/2006 8:22 PM, Blogger effelunga said...

bell'articolo...
grazie fusi orari!

 
At 10/06/2006 10:58 PM, Anonymous Anonimo said...

La P.R.C.?
Ma cosa sarà mai?
Questa creatura osannata come la Salvatrice di tutti noi, neanche fosse la Madonna di Pompei!
Ma davvero avete tutti gli occhi foderati di "Magnanima Mortadella Bolognese", oppure vi siete ubriacati con il "Premiato Marsala di S. Contino"?
A presto....

 
At 10/06/2006 11:03 PM, Anonymous Anonimo said...

Il Sindacato?
Un' accozzaglia di persone "perbene" che non vuole altro che gli interessi dei (loro)lavoratori...
Ma che razza di "obbrobbrio" avrebbero partorito?
Ma c'è davvero qualche menomato mentele che crede che miglioreremo la nostra condizione lavorativa.
Ditemi voi una sola ragione per cui si dovrebbe accettare questa "vergogna" chiamata Contratto Integrativo!

 
At 10/06/2006 11:08 PM, Anonymous Anonimo said...

Certo che non c'è limite al viscido che ci circonda.
C'è gente che calpesterebbe le propria madre pur di arrivare là dove la sua vergogna non lo toccherà mai...

 

Posta un commento

<< Home